ALEZIO | ABUSI SESSUALI SULLA FIGLIA MINORENNE? CONDANNATO PADRE ORCO

E’ stato condannato a dodici anni di reclusione il presunto padre orco di Alezio accusato di ripetute violenze sulla figlia minorenne. La sentenza è stata emessa dal gup Simona Panzera, che ha accolto in pieno la richiesta del pm Maria Rosaria Micucci. Le violenze si sarebbero consumate tra le mura domestiche dal 2012 al 2017, all’insaputa della madre. L’indagine partì dopo le confidenze rese dalla ragazzina ad un’amichetta e al fidanzatino che la convinsero poi a denunciare gli episodi e a rivolgersi agli assistenti sociali. Da qui è scattata l’indagine condotta dagli agenti della Squadra mobile di Lecce specializzati nei reati contro la persona. I riscontri si sono avvalsi anche di accertamenti tecnici. Dal telefonino della ragazzina, che ha ora 18 anni e vive in una struttura protetta, sono stati estrapolati numerosi files audio registrati all’insaputa del genitore nel corso degli anni. Pressanti richieste di prestazioni sessuali, le offerte di denaro, i ricatti e le minacce. Nel corso delle indagini il sostituto procuratore Micucci ha anche ascoltato come persona informata dei fatti la madre della ragazzina. La donna ha riferito di non aver mai saputo nulla e neppure intuito quanto accadeva all’interno delle pareti domestiche. Una ricostruzione ritenuta attendibile. Il padre orco avrebbe agito da solo. E la ragazzina, per paura, non aveva mai confidato nulla alla madre.

I commenti sono chiusi