ARRESTI | Via agli interrogatori: Margheriti e il suo vice restano ai domiciliari

E si sono svolti proprio questa mattina, presso gli uffici della procura, gli interrogatori di garanzia del sindaco di Erchie Giuseppe Margheriti e dell’ex vicesindaco Domenico Margheriti, detto “Domenghini”. Il primo cittadino, accompagnato dall’avvocato di fiducia Raffaele Missere, davanti al Gip Stefania De Angelis si è avvalso della facoltà di non rispondere. A risposto ad ogni domanda, invece, l’ex vicesindaco “Domenghini” che, accompagnato dal legale di fiducia Michele Iaia, si è anche dimesso dalla carica di consigliere Comunale di Erchie. I due, che secondo l’accusa avrebbero ottenuto il pagamento di 80mila euro, a titolo di tangente, con la promessa di ulteriori dazioni di denaro per una cifra complessiva di 110mila euro, restano entrambi ai domiciliari.

I commenti sono chiusi