Francavilla F.na (BR), Cava di contrada Donna Laura, il Tar: “prevalenti interessi ambientali”

Resta “sospesa” la demolizione di alcuni manufatti ordinata dal Comune, ma sulle attività di frantumazione e vagliatura degli inerti e quelle di betonaggio, oggetto principale dei rilievi mossi da Comune e Arpa resta il blocco. In attesa dell’udienza nel merito, il procedimento arrivato davanti al Tar di Lecce, che vede contrapposti Comune di Francavilla Fontana e Arpa da un lato e la società Messapica Inerti dall’altro, segna un nuovo step in merito al ricorso sull’ordinanza di sospensione prodotta, lo scorso luglio, dall’Ente di via Castello. Il Comune, spalleggiato dai rilievi Arpa, aveva ordinato la demolizione di alcuni manufatti e sospeso le attività della discussa Cava. Cava che, lo ha stabilito il Tribunale Regionale nella Camera di Consiglio, potrà parzialmente continuare alcune sue attività e sospenderne altre, su cui prevalgono gli interessi ambientali. Il tutto, in attesa della discussione in merito fissata per il prossimo gennaio.

Maggiori dettagli nel TG delle 13.55

Nessun commento ancora

Lascia un commento