LECCE | BARISTA MULTATA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALCOLICI A MINORI

Resta alta l’attenzione sulla vendita di alcolici ai minori nella città barocca, la polizia municipale continua a pattugliare il territorio. Questa volta ad essere denunciata è stata una barista di un locale di via Paladini per somministrazione di alcol a tre minorenni con meno di 15 anni, in particolare si tratta di tre cocktail di superalcolici a base di rum, ai sensi dell’articolo 689, primo comma, del Codice penale. La dipendente, se condannata, rischia fino ad un anno di carcere. La segnalazione è stata inoltrata sia all’Ufficio Commercio che alla Procura (compresa quella dei minori). Il comandante della polizia municipale Donato Zacheo, aveva già annunciato ad inizio mese il giro di vite più intenso per cercare di contrastare un fenomeno, quello del consumo di alcolici tra minorenni, in costante crescita. Il primo campanello d’allarme è arrivato nella notte di halloween quando una ragazzina leccese di 14 anni è finita al "Vito Fazzi" in coma etilico dopo l’abuso di alcol durante la festa.
I controlli saranno sempre più serrati, anche in vista delle vacanze natalizie. Infatti, il comune di Lecce è pronto a firmare un patto sulla sicurezza con il prefetto che vedrà una presenza massiccia di forze di polizia integrate sul territorio. Il sindaco Salvemini intende replicare ciò che è già avvenuto a Gallipoli, dove forze dell’ordine e istituti di vigilanza tutelano commercianti e clienti garantendo la sicurezza di tutti.

I commenti sono chiusi