LECCE | IMBRATTATA LA VETRATA DELLA SEDE PD DI LECCE

Le frange più violente degli attivisti No Tap sono tornate in azione nella notte colpendo la sede provinciale del Partito Democratico. Ignoti hanno imbrattato le vetrate della sede di via Tasso, lanciandovi contro vernice rossa e vergando delle scritte nere con degli spray. Oltre allo slogan “No Tap”, hanno scritto “complici” e inoltre una parola offensiva rivolta al partito. Il Partito Democratico è da sempre è nel mirino di quanti si oppongono la realizzazione del gasdotto che dovrebbe approdare sul litorale di San Foca. Gli attivisti No Tap ritengono infatti i vertici nazionali del Pd tra i fautori dell’esecuzione dell’opera progettata dalla multinazionale svizzera e che servirà a portare il gas azero in Europa, attraverso l’Italia. Del Pd è anche il viceministro salentino Teresa Bellanova, componente del Governo che ha autorizzato la realizzazione del gasdotto. Nei giorni scorsi scritte analoghe erano comparse sul portone della sede leccese della società Trans Adriatic Pipeline, in via Templari e nei pressi dell’info-point di Melendugno della stessa multinazionale. Sul raid vandalico della notte scorsa indagano i poliziotti della Digos che hanno acquisito i filmati di videosorveglianza installati nei pressi di Piazzetta Ariosto, dove hanno sede diverse attività commerciali. Ippazio Morciano, segretario provinciale Pd, ha intanto denunciato, tramite una nota via social network che “Il confronto democratico non può essere ostacolato da simili vigliaccherie”.

 

I commenti sono chiusi