MELENDUGNO | TENSIONE AL CANTIERE TAP, GIORNALISTA RESTA FERITO

Si sono vissuti nuovi momenti di tensione, nella mattinata di ieri, nel cantiere del gasdotto Tap, durante i lavori di potatura degli ulivi. Gli attivisti No Tap hanno cercato di sottrarre ad un controllo di polizia un giovane di nazionalità ceca, impegnato nella realizzazione di un documentario sui luoghi del gasdotto Tap. Jan Hustàk, 32 anni, collaboratore di 350.org, portale internazionale di informazione ambientalista, si trovava in zona Bosco de lu Monacu, dove erano concentrate le maestranze impegnate nel lavoro di potatura degli ulivi. I poliziotti impegnati nei servizi di ordine pubblico ad un certo punto hanno notato un drone volare sul terreno. E individuato nel giovane straniero il conduttore del velivolo hanno deciso di procedere alla sua identificazione. In quei frangenti la tensione è salita alle stelle. A rendere ancor più incandescente la situazione è stato il rifiuto, in un primo momento, del 34enne ceco di fornire le proprie generalità. E’ quindi scoppiato un parapiglia tra polizia e attivisti con questi ultimi che hanno strattonato lo straniero per sottrarlo al controllo di polizia. Gli agenti, nonostante la resistenza messa in atto dal gruppo di attivisti, ha comunque proceduto comunque alla sua identificazione. Lo straniero, che indossava una maglietta di colore rosso con l’effigie di Che Guevara, non è stato in grado di mostrare nessun tesserino che lo qualificasse come giornalista. Una volta preso atto della regolarità del controllo di polizia, il 34enne ceco ha ammesso di essere il proprietario del drone, il cui utilizzo, finalizzato alla realizzazione di un reportage sui lavori della Società T.A.P, non era stato preventivamente oggetto di richiesta autorizzativa alla competente Autorità. Il drone inoltre volava sulle teste delle persone, cosa assolutamente vietato in Italia. Tutta l’operazione è stata videoripresa dalla Polizia Scientifica e i filmati saranno inviati all’Autorità Giudiziaria a corredo delle denunce per resistenza a pubblico ufficiale.

I commenti sono chiusi