MELISSANO | ASSALTO IN BANCA, VIA CON 6MILA EURO

Hanno agito con estrema rapidità i banditi che la notte scorsa hanno dato l’assalto al bancomat delle Banca Popolare Pugliese di Melissano, facendo ricorso alla sempre più collaudata tecnica della marmotta. L’orologio segnava mezzanotte e quarantacinque minuti quando il sistema d’allarme dell’istituto di credito, collegato alla centrale operativa dell’Istituto di Vigilanza Cosmopol, si è messo in funzione. Le guardie giurate hanno impiegato appena cinque minuti per raggiungere l’istituto di credito preso di mira, situato nella centralissima via Leonardo da Vinci, ma al loro arrivo i malviventi si erano già dileguati con il bottino, circa 6 mila euro. Ad agire è stata una banda di professionisti composta da quattro persone. Stando alla ricostruzione compiuta dai carabinieri della Compagnia di Casarano, i banditi hanno dapprima oscurato le telecamere esterne con della vernice spray, quindi hanno forzato la porta che consente l'accesso nel vano interno dove è collocato il distributore automatico di banconote. Oscurate anche le telecamere interne hanno utilizzato il classico parallelepipedo in ferro colmo di polvere pirica per scardinare il bancomat. Lo hanno introdotto all’interno delle fessure e provocato l’esplosione che ha consentito loro di arraffare i soldi contenuti nella cassa del bancomat, una cifra che si aggira intorno alle 6mila euro e dileguarsi alla svelta. L’assalto come si diceva è durato poco più di cinque minuti. Dalla visione delle immagini riprese dalle telecamere prima di essere oscurate gli investigatori hanno potuto appurare che gli autori materiali del colpo sono stati in tre, tutti incappucciati e con guanti, mentre il quarto componente della banda li attendeva in auto con il motore acceso, pronto per la fuga: un’Audi A4 station wagon, certamente provento di furto. Sul posto, oltre alle guardie giurate dellla Cosmopol, sono giunti anche i poliziotti del Commissariato di Taurisano e i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casarano, cui sono affidate le indagini. I militari dell’Arma hanno eseguito i rilievi sul posto e acquisito anche i filmati dei sistemi di videosorveglianza degli esercizi commerciali presenti in via Leonardo da Vinci e nell’area circostante.

I commenti sono chiusi