SECLI’ (LE) | ENNESIMO EPISODIO DI MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA

Un nuovo episodio di maltrattamenti e violenza in famiglia giunge da Seclì. Appena due settimane fa un 51enne era finito in manette, perché tornato a casa ubriaco aveva scagliato una sedia contro la consorte, ferendola alla testa. La malcapitata fu poi costretta a ricorrere alle cure dei medici dell’ospedale di Gallipoli per delle lesioni al capo che furono giudicate guaribili in dieci giorni. Nella giornata di ieri i carabinieri di Aradeo, competenti per territorio, hanno invece eseguito un ordine di carcerazione nei confronti di Antonio Greco, 38enne anche lui di Seclì. L’uomo che è incensurato, è accusato di aver maltrattato in più occasioni la moglie con comportamenti violenti e autoritari. Il 27 ottobre scorso, la donna riportò delle lesioni giudicate guaribili in una decina di giorni dai medici del pronto soccorso dell’ospedale di Galatina. L’accaduto fu naturalmente segnalato all’Autorità Giudiziaria, che a distanza di un mese da quell’episodio di violenza tra le mura domestiche ha emesso un provvedimento restrittivo di natura cautelare nei confronti del marito violento. Antonio Greco è stato dichiarato in arresto e posto ai domiciliari.

SECLI’ (LE) | ENNESIMO EPISODIO DI MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA ultima modifica: da

I commenti sono chiusi