PUGLIA | DROGA E UN TENTATO OMICIDIO: 17 ARRESTI

Diciassette ordinanze di custodia cautelare, dodici delle quali in carcere e le restanti ai domiciliari: sono in esecuzione dalle prime luci del giorno, tanto nel territorio dell’area metropolitana del capoluogo, quanto nelle province della Bat e di Matera. Il provvedimento porta la firma del gip del tribunale di Trani e colpisce altrettante persone, ritenute responsabili, a vario titolo, in concorso, di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, tentato omicidio e minaccia aggravata. Le indagini erano in corso sin dal 2015 ed avevano portato ad approfondimenti in centri come Molfetta, Bitonto, Giovinazzo o la stessa Trani. Sotto i riflettori dei militari, veri e propri mercati illeciti, alimentati – secondo l’accusa dagli indagati – con quelli che vengono definiti "considerevoli stock di cocaina, hashish e marijuana" tali da realizzare un volume d’affari giornaliero stimato in diverse migliaia di euro.

Nel medesimo clima, ma saranno gli inquirenti ad accertarlo, sarebbe maturato anche un altro evento risalente al 2015 e che avrebbe coinvolto uno dei destinatari dell’odierna misura. Proprio durante la festa patronale di Molfetta, infatti, con una mitraglietta, l’uomo avrebbe tentato in vano di assassinare un altro spacciatore, accusato di aver mantenuto un legame sentimentale clandestino con la compagna di uno degli elementi del gruppo. Anche nei confronti di quest’ultima e di altre due figure femminili è stata adottata la misura in oggetto: il loro ruolo, spiegano i militari, sarebbe legato alla custodia dello stupefacente da destinare al commercio. Le operazioni hanno già portato al sequestro, tra gli altri, di circa 500 dosi di marijuana, 1100 dosi di hashish, 450 dosi di cocaina pura e alcune di eroina.

I commenti sono chiusi