fbpx

Pulsano (TA) | Settimana Santa, Riti nel vivo

E’ nel cuore del centro storico di Pulsano, che la Venerabile Arciconfraternita del Purgatorio, fondata sotto il titolo della SS.ma Vergine dei Monte Carmelo, si prepara per i Riti della Settimana Santa. La Settimana Maggiore, come amano definirla i confratelli è appassionante, unisce più generazioni che partecipano, con dedizione e profonda fede, alle funzioni. I “Riti della Settimana Santa” hanno inizio con la Via Crucis, la prima Domenica di Quaresima. I Confratelli del Carmine indossano l’abito di rito in Chiesa Madre e, prima della Messa Vespertina di ogni Domenica di Quaresima, e invitano i fedeli a cominciare insieme il percorso di preparazione alla Pasqua. Il programma dell’Arciconfraternita del Purgatorio di Pulsano ha previsto una serie di appuntamenti di rilievo.

Il Venerdì Santo, 19 Aprile, è il giorno più atteso, occasione per rivedere un rito antico quattro secoli. La Solenne Processione si compone di tre simboli e otto simulacri e si articola in tre momenti principali: l'Uscita, la sosta per la Meditazione della passione in Chiesa Madre e il rientro. A cadenzare i momenti, la Troccola, apre il rito uscendo dal portone con la “nazzicata”, incedere tipico che accompagna tutte le funzioni. Seguono la Troccola, altri due simboli: il “Gonfalone”, bandiera di stoffa nera, in segno di lutto, stile medievale, alta circa tre metri, con l’immagine della Vergine del Carmine titolare e Protettrice dell’Arciconfraternita e la “Croce dei Misteri”, croce in legno con affissi i simboli che hanno caratterizzato la Passione del Signore. Seguono i simulacri. Il primo è denominato “Cristo all’Orto”, il secondo simulacro è “Cristo alla Colonna”, la terza statua prende il nome di “Ecce Homo”. Nella quarta rappresentazione “Gesù Cadente”, la quinta statua è “il Crocifisso” cui seguono “La Sacra Sindone” e la venerata immagine lignea di “Cristo Morto” adagiata su una bara con una coltre in velluto nero e un velo trasparente sul corpo, questa statua in processione viene scortata da quattro cavalieri (quattro fedeli della comunità, particolarmente distintisi durante l’anno) e dai carabinieri in alta uniforme. Chiude il corteo la venerata immagine di “Maria SS. ma Addolorata”, scortata da quattro Consorelle e dagli agenti della Polizia Municipale di Pulsano in Alta Uniforme. Tutte le statue sono portate a spalla da otto Confratelli, quattro vestiti in abito scuro e quattro in abito di rito.

Nessun commento ancora

Lascia un commento