Rinvenuto privo di vita il corpo di Antonio Caprino, era scomparso ieri mattina

Sarebbe stato il caldo, il grande caldo di ieri pomeriggio, a non dare scampo ad Antonio Caprino, il 75enne di Francavilla Fontana il cui allontanamento da casa era stato denunciato ai carabinieri nel primo pomeriggio di mercoledì. A preoccupare la moglie e i figli del pensionato, le condizioni di salute di quest’ultimo affetto dal morbo di Alzheimer. Non era la prima volta che il signor Antonio, residente con la moglie nel quartiere Peschiera, si allontanava da casa. Si era sempre trattato, però di brevi passeggiate. Dalle 11 alle 15, invece, nessuna notizia dell’uomo, con la richiesta di intervento dei carabinieri della locale compagnia, coadiuvati dai vigili del fuoco e dalla protezione civile che, per tutta la giornata e tutta la notte, secondo il piano emergenze varato dalla prefettura, avevano cercato invano il 75enne. Il ritrovamento, tragico, alle 7,30 di mattina, quando un residente della zona, affacciatosi dal balcone di casa, ha notato il corpo dell’anziano che giaceva tra le sterpaglie di un vasto terreno privato tra viale Spagna e via Cotogno, a poche centinaia di metri dalla caserma e, pure, dall’abitazione dello sfortunato Caprino. Sul posto, il medico legale che, ad una prima ispezione, ha decretato il decesso sopragiunto per un probabile arresto cardiocircolatorio causato, forse, dal forte caldo. Dopo la scoperta della salma, il corpo senza vita dell’uomo è stato restituito alla famiglia per l’ultimo saluto allo sfortunato pensionato.


+++ articolo in aggiornamento +++

Nessun commento ancora

Lascia un commento