ROMA | Una cassa integrazione per i lavoratori di Tecnomessapia

Una proposta di interruzione della procedura di licenziamento per tutti 177 dipendenti di Tecnomessapia e un nuovo incontro a Roma il prossimo 20 luglio per riuscire a giungere ad un accordo che tuteli tutte le maestranze con un anno di Cassa integrazione guadagni straordinaria. Questa la proposta emersa dall'atteso incontro che si è svolto presso il ministero dello sviluppo economico alla presenza della vicenministro teresa bellanova per la vertenza tecnomessapia. Un risultrato importante per i lavoratori che da oltre un mese protestano per la tutela del proprio posto di lavoro. L'auspicio dei sindacati che il risultato della cassa integrazione non serva come mero assistenzialismo,ma implichi, anche con l'interessamento della Regione Puglia, rappresentata nell'incontro dall'assessore Capone, un percorso formativo che qualifichi le professionalità in relazione alle esigenze tecniche e produttive. Fondamentale sarà la presenza al tavalo del prossimo 20 luglio del ministero del lavoro che possa far concretizzare la proposta emersa in questo incontro.

I commenti sono chiusi