Salento, allarme rapine: malviventi in banca, circolo e centro scommesse

LECCE - Sono entrati in azione troppo presto, quando le casse degli sportelli non erano ancora state caricate dei contanti, e così sono stati costretti a dileguarsi a mani vuote. E’ fallito, stamane a Lecce, il colpo alla filiale di via Leuca del Banco di Napoli. L’Istituto di Credito aveva aperto i battenti da pochi minuti quando due malviventi, armati di taglierino, hanno fatto irruzione in banca, seminando il panico tra clienti e dipendenti. Uno dei rapinatori aveva il volto travisato da passamontagna ed occhialoni da sole, l’altro invece indossava una tuta blu da benzinaio. Sotto la minaccia del coltellino i malviventi, esprimendosi in dialetto leccese, hanno intimato al personale addetto agli sportelli la consegna del denaro. Ma a quell’ora, di prima mattina, le casse erano ancora desolatamente vuote. I soldi erano ancora sotto chiave, custoditi nella cassaforte a tempo ad apertura automatica e i rapinatori non potevano certo aspettare che si schiudesse. E così sono stati costretti ad una repentina fuga, a bocca asciutta. Sono quindi saliti a bordo di una vecchia Fiat Panda di colore bianca, dove c’era ad attenderli un complice. La vettura, dotata di portapacchi, si è poi allontanata da via Leuca in direzione di Castromediano. Diversi cittadini hanno assistito alla scena dei banditi in fuga, dal momento che a quell’ora via Leuca era già particolarmente trafficata. Lanciato l’allarme l’Istituto di Credito preso di mira dai rapinatori è stato raggiunto dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lecce e dagli agenti della Sezione Volanti. Successivamente il personale della Scientifica ha effettuato i rilievi e proprio alla Polizia sono affidate le indagini. Gli investigatori hanno ascoltato i numerosi testimoni della fallita rapina e acquisito i filmati del circuito di videosorveglianza installato all'esterno della filiale.

MELISSANO - Furto con spaccata la notte scorsa a Melissano, ai danni dell'agenzia di scommesse BetItaly in via Palermo. Un azione lampo che ha fruttato un bottino estremamente esiguo: una ventina di euro in monete e un monitor lcd. I banditi sono entrati in azione nel cuore della notte, intorno alle 3,30. Hanno usato un’auto come ariete, lanciandola in velocità contro la vetrata d’ingresso del centro scommesse ed internet point melissanese, che è andata in frantumi. Come poi emerso dall’esame delle immagini del sistema di videosorveglianza uno dei malviventi si è introdotto all’interno e ha prelevato un monitor Lcd usato per la proiezione dei dati relativi alle scommesse e le monete presenti in cassa. In definitiva i danni maggiori sono stati provocati dallo sfondamento della vetrata. Pare però che stranamente nessuno si sia accorto di nulla o abbia quanto meno udito il rumore provocato dai vetri andati in frantumi. Il raid notturno dei banditi è stato scoperto solo intorno alle 7 di questa mattina, dalla stessa titolare dell’agenzia di scommesse. E’ stata proprio lei ad allertare i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casarano, che hanno avviato le indagini. L'agenzia di scommesse BetItaly di Melissano ha già subito un altro furto in passato. L’azione, durata pochi minuti, è stata immortalata per intero dalle telecamere di videosorveglianza dell’agenzia, i cui filmati sono stati acquisiti dai militari.

I commenti sono chiusi