SALENTO | PRETE ACCUSATO DI VIOLENZA SESSUALE, INDAGATA LA NONNA DELLA 14ENNE

Nell’inchiesta in cui un prete è accusato di violenza sessuale su una 14enne, risulta indagata anche la nonna della ragazzina. Il suo nome è emerso in seguito alla richiesta di incidente probatorio avanzata dal sostituto procuratore Stefania Mininni e notificata dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Lecce. Gli indagati sono tre. Non solo il prete e la madre ma anche la nonna della ragazzina. Quest’ultima risponde di false informazioni fornite al pubblico ministero. Secondo investigatori non avrebbe raccontato la verità su una sospetta relazione tra la mamma della ragazzina e il sacerdote. Le accuse contestate alla madre della 14enne sono false informazioni al pubblico ministero e favoreggiamento per non aver denunciato i presunti abusi sessuali sulla figlia pur essendone a conoscenza. Il sacerdote è accusato di violenza sessuale continuata aggravata. L’indagine è stata avviata con una denuncia raccolta da un familiare della minore. Secondo il materiale finora acquisito, la ragazzina sarebbe stata violentata dal prete in canonica. Più episodi dallo scorso anno fino a giugno. La ragazzina ha raccontato i presunti abusi, palpeggiamenti e violenze alla presenza di una psicologa. Ora, però, la Procura intende blindare le dichiarazioni della persona offesa da utilizzare con l’eventuale apertura di un processo con un incidente probatorio su cui un gip dovrà ora fissare la data.

I commenti sono chiusi