TORRE LAPILLO | SEQUESTRATE ATTREZZATURE BANLEARI

Attrezzature balneari lasciate abusivamente su due diversi tratti di arenile libero di Torre Lapillo sono stati sequestrati dalla Guardia Costiera nel corso di controlli sul demanio marittimo finalizzati a tutelare la fruizione dei tratti di spiaggia liberi. A Torre San Giovanni il sequestro ha invece riguardato sedie, tavolini e ombrelloni posizionati sul demanio marittimo dal titolare di una pescheria. A Torre Lapillo i controlli sono stati eseguiti dai militari della Guardia Costiera dell’Ufficio Locale Marittimo di Porto Cesareo, unitamente agli agenti della Polizia Municipale. In un tratto di spiaggia libera prospicente Lido Le Canne” e “Lido Max” i militari hanno proceduto al sequestro di alcune attrezzature balneari pronte per essere utilizzate il giorno seguente. Nella stessa serata di ieri, sempre a Torre Lapillo, in prossimità della spiaggia adiacente la struttura ricettiva denominata “The Whaikiki Beach”, i militari hanno inoltre rinvenuto 5 ombrelloni piantati sull’arenile, 11 porta ombrelloni, e 22 lettini anch’essi collocati abusivamente sulla spiaggia libera.  Dai controlli effettuati sulle attrezzature balneari, la Guardia Costiera è risalita al responsabile dell’occupazione abusiva, che è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. Il materiale rinvenuto,  su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura di Lecce, è stato invece posto sotto sequestro preventivo restituendo di fatto il tratto di spiaggia alla libera fruibilità. Sul versante opposto del litorale jonico litorale, i militari dell’Ufficio Locale Marittimo di Torre San Giovanni d’Ugento hanno proceduto a porre sotto sequestro 32 sedie, 10 tavolini e 2 ombrelloni disposti dal titolare di una pescheria locale su un’area demaniale marittima di circa 90 mq. Il proprietario della pescheria è stato invece deferito all’autorità giudiziaria per aver posizionato tale attrezzatura a beneficio della clientela,  in assenza di qualsiasi autorizzazione. Sempre gli stessi militari dell’Ufficio Locale Marittimo di Ugento hanno proceduto al sequestro di un corridoio di lancio installato abusivamente da parte dei titolari di un noto stabilimento della zona.

I commenti sono chiusi