fbpx

A. Mittal | Sindaco Taranto, valutiamo esposto su emissioni

Polemica con sottosegretario Turco, inutile parlare di acquari.
"Stiamo valutando un esposto per i fatti di ieri, nessuno può pensare di distrarci dalla gravità di questa situazione. Non coopereremo col Governo, se cooperazione non è garantita anche su questioni dirimenti come lo è, per l'appunto, quella dello stabilimento siderurgico". Lo afferma il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci in merito al fenomeno dello sversamento di polveri provenienti dalla stabilimento siderurgico ArcelorMittal che ieri hanno invaso il quartiere Tamburi, spinte dal forte vento. Il primo cittadino informa che non parteciperà "ad alcun sopralluogo o iniziativa che il sottosegretario di Stato Mario Turco ha organizzato in città per la giornata di lunedì 6 luglio. Inutile parlare di acquari se non si affronta prima la riconversione radicale dell'ex Ilva, altrimenti tutte le misure hanno solo il sapore della beffa e di un palliativo pressoché inutile". Il Comune di Taranto, conclude Melucci, è "da tempo in prima linea con azioni molto forti e concrete, spesso da solo, ma ha competenze sullo stabilimento siderurgico assai limitate dalla legge. Le parti sociali, l'ambientalismo sano, il sistema economico di questa città incomincino con raziocinio ad attribuire le giuste responsabilità ai ministri di questo Governo ed ai parlamentari ionici, o saremo sconfitti da tutta questa approssimazione".

Nessun commento ancora

Lascia un commento