fbpx

Brindisi | Sindacati preoccupati per fermata petrolchimico

Un incontro urgente con Sua Eccellenza il Prefetto alla presenza di ENI Versalis e di tutte le Società coinsediate per scongiurare le ripercussioni sociali ed economiche che potrebbero sfociare
anche in problematiche di ordine pubblico. Questa la richiesta delle organizzazioni sindacali di categoria dopo la sospensione delle attività imposto dal comune di Brindisi. I rappresentanti sindacali hanno incontrato la Direzione della Società ENI Versalis presso lo stabilimento di Brindisi, per avere una precisa informativa su quanto accaduto in merito all’ordinanza sindacale emessa dal Sindaco di Brindisi relativa al fermo dell’impianto di Cracking. La Società ENI Versalis ha comunicato, l’inevitabile avvio delle procedure della fermata e messa in sicurezza di tutti gli impianti. I sondacati si dicono preoccupati per gli effetti dell’ordinanza del sindaco, che determina la fermata immediata dell’intero Petrolchimico, coinvolgendo, oltre a ENI Versalis, tutte le altre Società coinsediate: Enipower, Basell, Chemgas, BSG, ENI Rewind, e tutte le aziende dell’indotto per oltre 1500 lavoratori.

Nessun commento ancora

Lascia un commento