fbpx

Calcio, -1 al Manduria. Il presidente Palmisano: “Vado persino al Coni”

Un punto di penalizzazione al Manduria da scontarsi nel campionato in corso e mille euro di ammenda: è la decisione del Tribunale Federale Territoriale Puglia di Bari sulla vicenda del campionato di Promozione 2015/16, che aveva tenuto banco già in estate. Nel mirino una serie di risultati atti a condizionare il campionato e permettere alla Pro Italia Galatina, poi radiata, il salto in Eccellenza. In estate il Manduria era stato retrocesso all'ultimo posto del campionato di promozione, retrocedendo in prima categoria, salvo poi vincere il ricorso ed essere riammesso.
Ora la nuova stangata del Tribunale Federale Territoriale: un punto e 1.000 euro di multa, mentre per Spadafora, presidente all'epoca dei fatti, 30.000 euro di ammenda, in quanto rappresentante legale all'epoca. La risposta arriva tramite un comunicato stampa dell'attuale dirigenza: «Pensavo, o meglio speravo, che la macchina del fango utilizzata già in estate nei confronti dell’Ug Manduria Sport fosse stata cancellata dall’appello vinto a luglio. Così, evidentemente, non è stato. Ancora una volta la Federazione ha deciso di penalizzare oltremodo la nostra società. E, non è un caso, che a sentenziare la penalizzazione di 1 punto e l’ammenda di mille euro, siano gli stessi Avvocati di quest’estate.
abbiamo deciso (l’intera società) di andare avanti e di ritornare a battagliare in Tribunale. Ancora una volta, in qualità di Presidente, non avrò nessun problema a rivolgermi a Roma nelle sedi competenti e, qualora ce ne fosse bisogno, rivolgermi al Coni», la nota firmata del presidente Palmisano.
Giuseppe Andriani

Nessun commento ancora

Lascia un commento