fbpx

Salvemini: “ Renzi? Sta creando un simbolo ad uso e consumo del palcoscenico mediatico”

Lecce- Ed a poche ore dalla dichiarazione di Renzi, arriva l'analisi politica del Sindaco di Lecce Carlo Salvemini, che non risparmia critiche ad un'operazione che appare prima di tutto mediatica: " non ho titoli per sostenere che Renzi stia sbagliando o abbia fatto bene ad uscire dal PD annunciando un nuovo partito; né se questa decisione rafforza o indebolisce il governo Conte." Scrive Salvemini in un post e continua " il successo o l’insuccesso di un percorso si misura dal traguardo che intende raggiungere.

e non è chiaro - oltre le dichiarazioni- se Renzi vuole organizzare attorno a sè un partito maggioritario; o una forza che concorre in una competizione proporzionale inevitabilmente costretta ad accordi di coalizione.

la prima opzione sarebbe ambiziosa ma velleitaria.

la seconda realistica ma irrilevante.

indipendentemente da questo è però doverosa una precisazione di verità:

non esistono in Italia le condizioni - finanziarie e organizzative - per creare un partito nazionale organizzato su base territoriale.

chi dichiara questa ambizione prende in giro se stesso e i cittadini.

l’unica operazione possibile - già ampiamente vista e sperimentata - è scegliere un nome ed un simbolo ed associarci il volto del leader ad uso e consumo del palcoscenico mediatico. un partito

che vedi in tv ma non sul territorio.

affollato di dirigenti e povero di militanti. molto più attento a garantire carriere di alcuni che occuparsi dei destini di tanti.

molto social e poco sociale.

a prescindere dal consenso che potrà ottenere il nuovo partito di Renzi è destinato ad affollare quello spazio lì.

qualcosa di completamente diverso rispetto alle intenzioni di chi si è fatto conoscere come il leader del cambiamento e dell’innovazione.

a me pare insomma un déjà vu più che una finestra affacciata sul futuro.

in ogni caso buon lavoro a lui e a chi con lui condividerà questa esperienza." Conclude il primo cittadino.

Nessun commento ancora

Lascia un commento