fbpx

Tag Archives : Accoltellamento

Francavilla F.na (BR) | Accoltellamento in piazza, resta in carcere il 24enne accusato di tentato omicidio

Già in carcere da martedì sera, il fermo del 24enne di Francavilla Fontana Ivan Moscogiuri è stato convalidato dal Gip. Il giovane, accusato di tentato omicidio e, quindi, di aver accoltellato un 48enne del posto e il di lui figlio, resta nella casa circondariale di via Appia. Concreto, per il giudice, il pericolo di fuga, magari già predisposta nei giorni in cui il giovane, forse nascosto in una campagna, era sfuggito alla cattura.
I fatti, una settimana fa, nella notte tra sabato e domenica scorsi. I carabinieri della compagnia al comando del capitano Gianluca Cipolletta, aiutati dalle telecamere di videosorveglianza installate a ridosso di piazza Umberto I, hanno filmato tutto, fornendo agli investigatori numerosi dettagli su quanto accaduto attorno alle 2 di notte. Per motivi ancora tutti da chiarire, tra Moscogiuri e i due rivali scoppia un furioso litigio. Dopo urla, calci e spintoni, il 24enne si allontana per qualche minuto, per poi ritornare armato di un coltello. A quel punto, la lite si bagna di sangue. Muscogiuri, questa la tesi dell’accusa, si scaglia contro il 48enne, sferrando almeno una decina di fendenti. Ben 8 raggiungono il corpo della vittima, colpito a spalla, schiena, piede, volto e polmone. Nella violenza resta coinvolto anche il figlio del l’uomo, ferito in maniera non grave al fianco destro. Moscogiuri scappa via, sfuggendo alla cattura, mentre i due feriti vengono soccorsi dal 118 e poi trasportati al Pronto Soccorso dell’ospedale Antonio Perrino di Brindisi. Il 28enne se la cava con 7 giorni di prognosi. il padre, invece, viene operato d’urgenza e trasferito al Policlinico di Bari, dov'è tuttora ricoverato nel reparto di Chirurgia Toracica, non in pericolo di vita.
Le indagini dei carabinieri hanno subito permesso di identificare il ragazzo, “incastrato” dalle telecamere eppure irreperibile per due giorni. Fino a quando, martedì pomeriggio, il ragazzo si è costituito in caserma, accompagnato dal suo avvocato Giancarlo Camassa. Il fermo, a margine dell’interrogatorio, è stato infine convalidato dal Gip. Restano da chiarire diversi punti. In primis, il movente, al momento collegato a precedenti litigi tra i protagonisti di questa vicenda. E poi, l’arma del delitto. ovvero, il coltello utilizzato mai ritrovato. Moscogiuri è accusato di tentato omicidio. Per il medico legale, infatti, le coltellate “erano dirette in modo non equivoco a cagionare la morte”.

Francavilla F.na (BR) | Accoltella padre e figlio, 24enne si consegna ai carabinieri

Si è presentato in caserma accompagnato dal suo avvocato il 24enne di Francavilla Fontana I.M, accusato del tentato omicidio di un 48enne del posto e del di lui figlio 28enne, finiti in ospedale con ferite provocate dal coltello impugnato dal giovane. I fatti nella notte tra sabato e domenica, quando, secondo la ricostruzione dei carabinieri della compagnia guidata dal capitano Gianluca Cipolletta, il ragazzo, al culmine di una lite nel centro storico, aveva estratto il coltello. I fendenti avevano raggiunto padre e figlio, poi trasportati al Perrino di Brindisi. Il 48enne, sottoposto a intervento chirurgico, era poi stato trasferito al Policlinico di Bari, nel reparto di Pneumatologia. Nel pomeriggio di oggi, martedì 4 febbraio, il ragazzo, già identificato grazie alle telecamere, è denunciato per tentato omicidio, si è presentato in caserma accompagnato dal suo avvocato prima di essere presumibilmente condotto in carcere. Il 24enne si era reso irreperibile subito l'episodio, registrato tra piazza Umberto I e piazza Dante intorno alle 2 di sabato notte.

Francavilla F.na (BR) | Prima la lite, poi il coltello: padre e figlio in ospedale

Prima la lite. Poi, tra spinte e pugni, è spuntato fuori anche un coltello con cui sono stati feriti un 48enne del posto e il figlio. Entrambi in ospedale: il più giovane con 7 giorni di prognosi. Il padre, invece, con ferite gravi inferte dalla lame capace di raggiungere la spalla, la schiena, il piede, il volto e soprattutto il polmone. Non è fortunatamente in pericolo di vita.
I carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana cercano un 24enne che, nella notte tra sabato e domenica, erano da poco passate le 2, ha accoltellato due uomini, entrambi della Città degli Imperiali, con un coltello. è accaduto al culmine di un alite. Il 24enne, che si era allontanato da piazza Dante, ha poi riavvicinato padre e figlio armato di coltello. Diversi i fendenti sferrati che hanno raggiunto i due. Il ragazzo più giovane è stato colpito solo di striscio. Peggio è andata al 48enne. Mentre l’aggressore scappava via, i due feriti venivano soccorsi da un mezzo del 118 e trasportati in ospedale. Il ragazzo se la caverà con 7 giorni di prognosi. Il padre, invece, dopo il passaggio al Pronto Soccorso, è stato sottoposto a intervento chirurgico e poi, nella mattinata di domenica, trasferita a Bari, in pneumologia, in codice giallo.
Sul posto, anche i carabinieri del Norm che, dopo aver identificato l’autore dell’accoltellamento grazie alle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza e al racconto dei testimoni, hanno cercato il 24enne per tutta la notte. Al momento, senza fortuna.

Accoltella il compagno: paura al quartiere San Lorenzo

Una lite furiosa, se pur per futili motivi, sfociata nella violenza, con 4 coltellate all’altezza della schiena sferrate ai danni del convivente. Quando, nel piccolo appartamento di viale Abbadessa a Francavilla Fontana, sono arrivati i carabinieri, la donna, una 54enne del posto, aveva ancora il coltello in mano. L’arma utilizzata per ferire, per fortuna non mortalmente, il compagno 62enne.
L’uomo, soccorso da un mezzo del 118, è stato subito trasportato all’ospedale Antonio Perrino di Brindisi. Prognosi riservata, ma al momento, nonostante un polmone collassato, non verserebbe in pericolo di vita. La donna, invece, è stata arrestata in flagranza di reato e condotta nel carcere di Lecce con l'accusa di tentato omicidio. Ancora da ricostruire nel dettaglio il movente, con i militari che hanno ascoltato anche alcuni vicini di casa per cercare di chiarire il perché di tanta violenza.

Tentato omicidio, resta in carcere accoltellatore

Fermo convalidato e misura cautelare confermata. Dopo l’interrogatorio davanti al Gip, Claudio De Tommaso, il 37enne di Francavilla Fontana arrestato lo scorso lunedì per aver accoltellato il cognato, tutt’ora in prognosi riservata al Vito Fazzi di Lecce, resta nel carcere di Brindisi. L’accusa, duplice, è di tentato omicidio e lesioni personali gravissime. Ritrova invece la libertà la moglie di De Tommaso, Antonella Begher, arrestata in flagranza di reato dai carabinieri per resistenza a pubblico ufficiale. Il ferito, invece, è ancora in gravi condizioni.

Il 30enne di origini albanesi, al culmine di un litigio registrato davanti alla sede dei servizi sociali del Comune di Francavilla Fontana, era stato raggiunto da un fendente capace di ferire la mammella sinistra, tra il cuore il polmone.

De Tommaso, grazie alle testimonianze raccolte, era stato subito identificato e portato in carcere in stato di fermo dove è tutt’ora detenuto come disposto dal Gip a margine dell’interrogatorio di convalida.