fbpx

Tag Archives : Cronaca

Francavilla F.na (BR) | Prima la lite, poi il coltello: padre e figlio in ospedale

Prima la lite. Poi, tra spinte e pugni, è spuntato fuori anche un coltello con cui sono stati feriti un 48enne del posto e il figlio. Entrambi in ospedale: il più giovane con 7 giorni di prognosi. Il padre, invece, con ferite gravi inferte dalla lame capace di raggiungere la spalla, la schiena, il piede, il volto e soprattutto il polmone. Non è fortunatamente in pericolo di vita.
I carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana cercano un 24enne che, nella notte tra sabato e domenica, erano da poco passate le 2, ha accoltellato due uomini, entrambi della Città degli Imperiali, con un coltello. è accaduto al culmine di un alite. Il 24enne, che si era allontanato da piazza Dante, ha poi riavvicinato padre e figlio armato di coltello. Diversi i fendenti sferrati che hanno raggiunto i due. Il ragazzo più giovane è stato colpito solo di striscio. Peggio è andata al 48enne. Mentre l’aggressore scappava via, i due feriti venivano soccorsi da un mezzo del 118 e trasportati in ospedale. Il ragazzo se la caverà con 7 giorni di prognosi. Il padre, invece, dopo il passaggio al Pronto Soccorso, è stato sottoposto a intervento chirurgico e poi, nella mattinata di domenica, trasferita a Bari, in pneumologia, in codice giallo.
Sul posto, anche i carabinieri del Norm che, dopo aver identificato l’autore dell’accoltellamento grazie alle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza e al racconto dei testimoni, hanno cercato il 24enne per tutta la notte. Al momento, senza fortuna.

Brindisi | Aggredita equipe medica in sala operatoria

Equipe medica aggredita a Brindisi all'interno dell'ospedale Antonio Perrino in sala operatoria dai parenti di un secondo paziente. Si tratta dell'ennesimo caso di aggressione denunciato e dei quali ci siano occupati nelle scorse settimane. L'ennesimo episodio è avvenuto la sera del 30 gennaio ed acquisita un elemento ancora più grave perché avvenuto durante un intervento all'orta e che ha rischiato di mettere in pericolo non solo l'incolumità dei medici ma anche quella del paziente sottoposto all'intervento. I parenti di un paziente ricoverato nel reparto di chirurgia vascolare infatti dopo aver strattonato il medico di turno al reparto e preteso la presenza del primario, si sarebbero diretti nella sala operatoria forzandone gli ingressi e interrompendo il delicatissimo intervento chirurgico in corso. Solo la grande freddezza e lucidità dello specialista che è riuscito a mantenere la calma ha evitare conseguenze anche gravi per il paziente sottoposto all'operazione. La guardia giurata di turno allertata da altri degenti ha immediatamente contattato il 113 e sul posto sono giunte le pattuglie di polizia e carabinieri. Sulla vicenda è intervento anche il presidente dell’ordine dei medici e odontoiatri della provincia di Brindisi, Arturo Oliva che ha espresso  ogni solidarietà e vicinanza da parte della categoria medica mentre l'Asl si è detta pronta a denunciare i responsabili per interruzione di pubblico servizio.

Francavilla F.na (BR) | Spaccio di droga, in carcere 28enne

Spaccio di droga e resistenza a pubblico ufficiale: i Carabinieri della Stazione Carabinieri di Francavilla Fontana hanno arrestato il 28enne del posto Giosuè Siena in esecuzione ad un ordine per la carcerazione in regime di detenzione domiciliari emesso dal Tribunale di Brindisi. Siena dovrà espiare la pena di mesi 3 e giorni 26 di reclusione…
Leggi tutto

Villa Castelli (BR) | Rogo nel parcheggio STP: in fiamme 3 pullman

Rogo in serata nel parcheggio STP di via Martina Franca, a Villa Castelli. Le fiamme hanno avvolto 3 pullman della società di trasporti, parcheggiati all'interno del deposito. Sul posto, i vigili del fuoco di Francavilla Fonatana, carabinieri e polizia locale. Mentre gli uomini del 115 sono al lavoro per spegnere le fiamme, si cerca di…
Leggi tutto

Erchie (BR) | “Operazione Giga”: ai domiciliari 2 presunti pusher

Dopo il sequestro di marijuana ad un minore, hanno spulciato il suo telefonino. Le chiamate, i messaggi, i contatti. Giga dopo giga, hanno quindi ricostruito tutto. Dalle telefonate, agli accordi sino, appunto, all’acquisto della droga. A finire nei guai, raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari, sono un 21 e 24enne di Erchie. Sarebbero…
Leggi tutto