fbpx

Taranto | A.Mittal: ex Ilva, ha magazzino vuoto e mette in Cig

Secondo quanto si legge nel ricorso presentato dai commissari ex Ilva, "la giacenza di materie prime al 20 novembre 2019 era tale da garantire una autonomia di circa 6 giorni". Una situazione che "oggi non è sostanzialmente modificata, posto che ArcelorMittal, successivamente agli impegni presi nel corso del presente giudizio, ha continuato a mantenere un magazzino fortemente sbilanciato sul prodotto finito da vendere anziché sull'approvvigionamento di materie prime destinate ad alimentare la futura attività". "La migliore conferma di quanto precede è del resto di poche ore fa - prosegue la memoria - quando la controparte ha dato notizia della messa in cassa integrazione di 250 dei 477 dipendenti operanti sull'altoforno 1 in ragione dello 'scarso approvvigionamento di materie prime e dell'attuale capacità produttiva legata alle commesse'". "Sul punto - continua l'atto - è del resto necessario sottolineare che controparte - in violazione degli impegni assunti in udienza ("AM InvestCo consentirà (...) di verificare l'attuazione degli impegni assunti anche mediante la possibilità di effettuare accessi e verifiche presso i siti concessi in affitto") - si è rifiutata sino ad ora ostinatamente di consentire" ai commissari dell'ex Ilva o a chi per loro "qualsiasi tipo di verifica e sopralluogo finalizzati a controllare la effettiva situazione e la correttezza della ben laconica, e generica, informazione trasmessa circa la produzione giornaliera di acciaio grezzo". (ANSA).

Nessun commento ancora

Lascia un commento