fbpx

Taranto | Farneticazioni nel Duomo di San Cataldo e violenze agli agenti: arrestato irlandese.

I Poliziotti della Squadra Volante hanno arrestato un irlandese di 48 anni, per resistenza e minaccia aggravata.
E’ Domenica. All’interno del Duomo di Taranto, intitolato a San Cataldo, vi sono turisti e pellegrini, alcuni in raccoglimento di preghiera in attesa della Santa Messa di Mezzogiorno, altri visitano la Basilica ammirati dai luminosi decori dei marmi del noto “Cappellone di San Cataldo”. La pace e l’atmosfera di spiritualità vengono bruscamente sconvolte da un uomo che inginocchiato davanti all’altare maggiore, con un crocifisso tra le mani, inizia ad urlare intimorendo i presenti, costretti ad uscire dal Duomo. Il sacrestano chiama il 113 per segnalare l’inquietante presenza ed i poliziotti giungono tempestivamente sul posto.
I poliziotti rintracciano l’uomo dai tratti somatici tipicamente nord europei, il quale, nel frattempo, aveva raggiunto l’altare superiore. Il forestiero, accortosi degli uomini in divisa, comincia anche ad inveire ad alta voce nei loro confronti, minacciandoli. Brandendo il crocifisso fra le mani, incalza con le sue farneticazioni deliranti e sconnesse, fino a dare in ulteriore escandescenza spostando i banchi della chiesa.
Gli operatori si trovano di fronte ad una situazione da gestire con la massima professionalità e dopo aver tentato di condurlo alla calma con metodi persuasivi, considerato il panico generato fra i pochi presenti rimasti, riescono ad immobilizzarlo rendendolo così inoffensivo ed a portarlo all’esterno della Basilica.

Nessun commento ancora

Lascia un commento